HOME

:: ASSOCIAZIONE CULTURALE INTERNET PADANO :: Benvenuti nella Comunità Padana ::

Giovani Padani

Cerca su WWW Cerca su www.padaniacity.org

Cerca Articoli

Carta parla; vilán dormi, Proverbio Veneto

NEWS    AMBIENTE    ARALDICA    CULTURE    LINGUE    MUSICA    MEDIA    LEGGENDE    FEDERALISMO    STORIA    POESIE    SCIENZA    INTERNET
Padano
Valdostano - Franco-provenzale
Walser
Piemontese
Valdese
Ligure
Insubre - Lombardo Occidentale
Orobico - Lombardo Orientale
Romancio
Mantovano
Emiliano
Romagnolo
Veneto
Cimbro
Brigasco
Friulano
Triestino - Istriota
Carinziano
Sloveno
Occitano
Provenzale
Ladino
Tirolese
Toscano - Italiano
Inglese
Francese
Tedesco

Lingue


Ricerca degli Articoli per parole chiave

Statuto Associazione
Organi Associazione
Attivita' Sociali
Segnalaci Iniziativa
Indagini Fonetiche
Carta Etnolinguistica della Padania e aree contigue
Collaboratori

Iscriviti!

ISCRIVITI!
Area Soci
Altre Segnalazioni
Aiutaci diventando Socio Sostenitore!
F.A.Q.

Discussioni

Forum
Mailing Lists
Iscriviti alla mailing list Padania
Newsletter
Newsgroups
Cosa sono?

Servizi Soci

Programmi Gratis
Meteo
Reclam Sponsors

Documenti

Proverbi
Archivio Newsletter
Archivio Articoli
Giochi

Loghi

Loghi Internet Padano
Loghi Padani Annuali:
Made in Padania
Padania Freedom Campaign

Tessera Sociale

PADANIA FREEDOM CAMPAIGN

Internet Padano

padaniacity.org
Padan.org

MADE IN PADANIA

Wikipedias Padanesi e Reto-Romanze

Emigliàn
Furlan
Ligure
Lumbard Insüber
Lumbard Uriental
Piemontèis
Rumagnòl
Rumantsch Grischun
Vèneto

Osservatorio ALP

Wikipedias lingue non padane presenti nelle regioni padane

Deutsch
Français
Franco-Provençal / Arpitan
Occitan
Toscano

     
Stampa questo articolo

IL GALLOITALICO DI SICILIA

http://www.iti-itas.com/galloitalico/


Segnaliamo all'attenzione dei nostri soci il sito
http://www.iti-itas.com/galloitalico/
dove si possono trovare interessanti articoli sull'origine e la diffusione del gallo romanzo in Sicilia.

Riportiamo qui uno stralcio sulla diffusione di questa lingua padana:

AREA DI DIFFUSIONE
All'interno del pur ricco e variegato panorama dei dialetti siciliani si distinguono per caratteristiche prevalentemente fonetiche, ma anche morfologiche e lessicali, un gruppo di dialetti che gli studiosi hanno definito isole alloglotte o allogene, per differenziarli in maniera netta dalla grande famiglia dei dialetti meridionali a cui appartengono le parlate siciliane.
La denominazione "galloitalico" ce ne precisa l'area di appartenenza, la stessa della maggioranza dei dialetti settentrionali. La presenza di parlate settentrionali nel cuore della Sicilia si spiega con la deduzione di coloni provenienti dal Nord Italia, Piemonte, Lombardia, Emilia, da parte dei Normanni conquistatori della Sicilia, a partire dall'XI secolo (l'arrivo di coloni è testimoniato ancora nel 1237, in un diploma di quell'anno riportato dal Falzello - P.L.Vasi, Archivio storico siciliano, vol.VI.- si legge che Federico II, concesse di recarsi in Sicilia a delle moltitudini di Emiliani colpiti dalle inondazioni).
è di obbligo completare la definizione in "galloitalici di Sicilia", perché il galloitalico originario qui ha subito processi di confronto, cedimento, adeguamento o simbiosi con il siciliano prevalente, dando vita a dialetti che si distinguono dal resto dei siciliani per una diversa articolazione fonetica, in alcuni casi morfologica, ma che ha perso, forse molto presto, buona parte del patrimonio lessicale. L'articolazione fonetica invece è ancora oggi tanto marcata che il galloitalico parla anche l'italiano in modo notevolmente diverso dal resto dei siciliani e da sempre si sente ripetere "Da come parli non sembri un siciliano...".

I centri dove il gallo-italico è parlato, o dove è possibile ancora identificarne le tracce nella fonetica e nel lessico, sono distribuite nell’entroterra delle province di Messina, Siracusa e Catania e soprattutto nella provincia interna per eccellenza, Enna; come si può vedere tutti i centri sono posizionati in quella zona che separava gli arabi della costa orientale dagli altri del centro e della costa occidentale.
Abbiamo così:

in provincia di Messina: San Fratello, Acquedolci, San Piero Patti, Montalbano Elicona, Novara di Sicilia, Fondachelli-Fantina;

in provincia di Enna: Nicosia, Sperlinga, Piazza Armerina e Aidone;

Rilevanti tracce galloitaliche si trovano anche nelle parlate, di:

Roccella Valdemone, S. Domenica Vittoria, Francavilla in provincia di Messina;

in provincia di Catania: Randazzo, Bronte e Maletto sul versante nordoccidentale dell’Etna; Caltagirone, Mirabella Imbàccari e, in misura minore, S.Michele di Ganzaria,a sud;

in provincia di Siracusa: Ferla, Buccheri, Càssaro

Valguarnera Caropepe, in provincia di Enna;

Corleone, in provincia di Palermo.

Ancora nel Sud colonie galloitaliche si trovano anche in Basilicata dove il galloitalico è parlato in due distinte aree linguistiche, entrambe in provincia di Potenza: la prima comprende i comuni di Picerno, Tito; la seconda i centri di Trecchina, Rivello, Nèmoli e San Costantino.

In un documento sottoscritto, il 29 gennaio 2000, dalle Amministrazioni Comunali dei centri galloitalici di Sicilia, d'intesa con l'Università di Catania, la Società Italiana di Glottologia e il Centro Internazionale sul Plurilinguismo, per esprimere la propria protesta nei confronti della mancata inclusione delle parlate galloitaliche della Sicilia, nella legge N. 482/99 , contenente norme in materia di tutela della minoranze linguistiche storiche, si legge:
-"che attualmente l’idioma galloitalico è adoperato da una popolazione che supera le 60.000 unità e che negli ultimi decenni la consapevolezza della identità linguistica delle Comunità in oggetto, da sempre manifestata nell’orgoglio per la propria parlata e per le proprie tradizioni, è diventata sempre più forte e ha dato luogo ad una fiorente produzione letteraria;
– che le parlate galloitaliche della Sicilia, dal punto di vista storico conservano la fase antica delle parlate italiane settentrionali da cui hanno avuto origine e che per i rapporti di chiusura o di apertura nei confronti del siciliano dell’area circostante rappresentano un terreno fertile di osservazione per lo studio dei contatti interlinguistici;.....
– che la specificità e l’alterità di tali parlate sono state riconosciute dagli studiosi italiani e stranieri di contatto linguistico, dai sociolinguisti e dai linguisti generali, ...."
Il documento testimonia l'importanza del fenomeno da una parte, e, dall'altra, l'indifferenza degli organi preposti alla sua tutela che in Sicilia hanno ritenuto meritevole di tutela solo le parlate greco-albanesi, che pure contano un numero molto più piccolo di parlanti.
Grazie all'Università di Catania e all'opera infaticabile di studiosi e appassionati questo patrimonio si sta conservando o addirittura recuperando, ma è un'opera immane che si scontra contro il naturale evolversi della lingua che si adegua più alle esigenze contingenti che alle urgenze culturali.

 

CONSERVAZIONE

Rispetto a quest'ultima affermazione dobbiamo evidenziare il modo diverso in cui i parlanti dei vari centri si sono posti nei confronti del galloitalico:

ad Aidone e a Piazza Armerina già alla fine dell'Ottocento si registrava la sua marginalizzazione all'uso in ambienti familiari e rurali; aidonesi e piazzesi percepivano il loro linguaggio come arcaico e incomprensibile agli estranei, ai forestieri che li definivano sprezzantemente "i francisi". La forma vernacolare, conservata nei documenti scritti (soprattutto composizioni poetiche dell’inizio del Novecento) e nell’uso attuale di pochi parlanti, aveva già subìto l’impoverimento morfologico e lessicale, a favore del siciliano, e mantenuto più a lungo gli esiti fonetici. All’inizio del secolo, nel 1902, A.Ranfaldi, un intellettuale aidonese, scriveva in un sonetto: "A ddinga ch’ogn giurn us a v’rsùra,/ Nan eia com a cudda c’tatìna " (la lingua che ogni giorno uso in campagna, non è come quella cittadina), testimoniando di fatto una situazione di bilinguismo che ancora perdura: il vernacolo parlato in ambienti familiari e rurali e il "siciliano" riservato alla piazza e ai forestieri. Oggi naturalmente la situazione si è sempre più deteriorata, i parlanti spontanei sono ormai rarissimi, buona parte della popolazione ne ha una competenza passiva; è sempre più difficile trovare interlocutori validi per una ricerca sistematica, in ogni caso quello che viene fatto è un lavoro di scavo linguistico con tutti i rischi di manipolazione da parte di chi consapevolmente testimonia su qualcosa di estinto e sepolto da decenni.

Diversa la situazione a Nicosia, Sperlinga, San Fratello e Novara di Sicilia e nelle varie frazioni, dove, seppur con diversa sfumature, il galloitalico è sentito come elemento di identità cittadina, parlato in tutti gli strati sociali, amato, coccolato e orgogliosamente sfoggiato. Certamente su questo atteggiamento estremamente positivo ha giocato molto la relativa vicinanza tra di loro di questi centri che ne ha fatto quasi un enclave in cui ciascuno riconosceva nel vicino un proprio simile rispetto al resto dei siciliani; è nata dunque la consapevolezza della lingua come elemento di coesione ed identità da una parte e di distanza e diversità dall'altra, che li ha spinti a proteggere e conservare piuttosto che ad aprirsi e a cedere. Il bilinguismo è presente anche in questi paesi, oggi più che con il siciliano con l'italiano, ma la "seconda lingua" è riservata ai forestieri, mentre tra paesani veri e propri e paesani galloitalici si predilige la "lingua madre".

 

PECULIARITA' DEL GALLO ITALICO DI SICILIA

Abbiamo detto che il fattore fondamentale di differenziazione è costituito dalla fonetica e da essa traiamo infatti gli esempi sotto riportati, che non vogliono essere esaurienti a tracciare un quadro della specificità di questi dialetti, ma a darcene un'idea complessiva.

L’elemento che di primo acchito salta all’orecchio è la presenza della mutola, di questa vocale indistinta, quasi muta, ma della quale percepisci lo spazio e l'intensità. Fin dall’antichità gli scrittori di cose in dialetto, l’hanno resa con un apostrofo, e quando era in fine di parola lasciavano lo spazio vuoto, i linguisti gli hanno preferito lo shwa ed ora addirittura la < e >, creando in effetti un po' di confusione tra i non addetti ai lavori. La frequenza della mutola in fine di parola, che nell’aidonese diviene costanza, fa sembrare le parole tronche e l’etimologia popolare da sempre ne ha attribuito l’origine al francese. Gli esempi sono infiniti, basta leggere i testi che qui presentiamo, la tabella di confronto e la traduzione della favola, la raccolta di proverbi aidonesi e piazzesi; questo è ancor più vero nell'aidonese dove si può dire che non esista parola che non presenti almeno almeno una mutola, altre invece ne presentano un numero tale da rendere la parola scritta quasi illeggibile, un esempio per tutti: z'r'mingh' ,la cicatricola dell'uovo ( dal lat. germinem ).


Un' altra caratteristica è costituita dal troncamento dell'infinito verbale che fa tanto "francese" il galloitalico; la forma dell' infinito dei verbi è sempre e comunque tronca, si va dalle varianti dell'aidonese che ha mangè / mangèr' e poi part'r e vinn'r , al piazzese mangè e part'r e al nicosiano e sperlinghese: ddurdiè, iarmè, r'spondö , fë (sporcare, apparecchiare, rispondere, fare)


Un fenomeno molto importante che ha interessato tutti i dialetti galloitalici, come conseguenza della contiguità con il siciliano, in un perenne rapporto di amore odio, è quello dell'ipercorrettismo che si manifesta in due maniere opposte: come esagerato adeguamento alla lingua dominante o come difesa ad oltranza.

- come ipersicilianismo, cioè come esagerato cedimento alla varietà egemone:
es.: la -ll- intervocalica diventa come nel siciliano -dd- , quel suono particolare che i linguisti chiamano cacuminale, ma il processo di adeguamento va oltre cacuminalizzando tutte le < l >, anche in posizione iniziale, siano scempie o doppie: dai pochi testi che abbiamo avuto in esame, la tabella di confronto e la traduzione della favola, prendiamo gli esempi: oltre a bedd', beddu...abbiamo: dditt' (letto),ddusgerdula (lucertola), ddumar' (accendere), ad Aidone; ddett', dd'sgerdula, ddumari, a Piazza Armerina; ddiettu e ddumè a Nicosia e Sperlinga.

- come ipergallicismo, cioè come esagerata accentuazione dei tratti propri:
a) nei dialetti di Nicosia e Sperlinga i nessi -mb- ed -nd-, non solo vengono mantenuti nelle posizioni del latino-romanzo laddove il siciliano, ma anche l'aidonese ed il piazzese hanno -mm- ed -nn-, ma, le doppie < -mm- ed -nn-> anche di origine diversa diventano -mb- ed -nd-. Così abbiamo: sambucu , andandu, r'spondö (sambuco, andando, rispondere) ma anche stombicu e cambarera (stomaco e cameriera).
b)allo stesso modo nel dialetto di San Fratello la < a > per palatalizzazione diventa < e > in tutte le posizioni toniche e non soltanto, come ci si aspetterebbe, in prossimità di una consonante nasale.

Esaminiamo ora alcuni esiti particolari nel consonantismo:

<c> o <cc> palatale (suono di cibo, ceci ), derivato dal latino < pl /cl > che in siciliano ha normalmente <chj> e in italiano < pi e chj >; es: ccov'r, ccioviri, cciou, contro il siciliano chjoviri l' italiano piovere; cciò, ciov', contro chiovu e chiodo, etc.

< z e zz > (suono sonoro di zero) dalla < g+ vocale palatale> sia in posizione iniziale che intervocalica: zenn'r', zimm' , frizz'r (genero, gobba, friggere; siciliano: iènniru, immu,friiri )

< zz- > (suono sordo di piazza, zio) da < c + vocale palatale> zzinn'ra, zzipp' (cenere, ceppo contro il siciliano cinnira, ....)

< sg > (suono più o meno come nel francese jamais, je) da < -c- intervocalica seguita da vocale palatale < e ed i > : disgìa, crusg', stasgìa, brusgè (sic. diciva, cruci, staciva, bruciari);

< ngh > cioè la velarizzazione della nasale in finale di parola singolare che termini per <-uno, -ino, ono, one, ano...>. Il fenomeno, appena percepibile nei dialetti di Nicosia e Sperlinga, è presente nella forma più arcaica nel piazzese: Mirringh' (Merlino), radungh' (raduno), e, in modo notevole, nell'aidonese arcaico : bardungh' (basto), patrungh' (padrone) z'r'mingh' (cicatricola), purringh' (verruca).

L'abbandono di questi esiti per quelli tipici del siciliano sono la caratteristica che più differenzia le parlate arcaiche da quelle sicilianizzate.






Inserito da: Veronesi in data 28/1/2004, 12:19
Scritto in Toscano per la parte Lingue di Internet Padano

Condividi:
Modifica questo articolo



Visualizza tutti gli articoli


     

Focus

RSS PDNCity
Gli ultimi articoli
Le ultime News di PadaniaCity.org

APPELLO: Creiamo più siti in lingua locale!

Iscriviti a Internet Padano

Giornali in Lingua

Al periodic
El Dragh Bloeu
El Milanes
La Vus de l'Insübria
Ousitanio Vivo Raixe Venete

Musica in Lingua

Davide Van De Sfroos
B-Folk
Buio Pesto
FBA
Gens d'Ys
Lepricorns
Longobardeath
Mele Spinte
Piero Montanaro
Teka P
Vad Vuc

Link Amici

Alla Ricerca del Sole
Associazione Linguistica Padana
Espaci Occitan
I nostar radiis
Padan.org

Media





Contatti

Organi Ass.

Riservato

GIOVANI PADANI

Fatti pubblicità su Padaniacity.ORG

Collaboratori

Realizzato da Angelo Veronesi

HOME

Master Sitee