HOME

:: ASSOCIAZIONE CULTURALE INTERNET PADANO :: Benvenuti nella Comunità Padana ::

http://www.villaflores.it/

Cerca su WWW Cerca su www.padaniacity.org

Cerca Articoli

Quand gh é minga cavaj se fa truttà i asen, Proverbio Insubre

NEWS    AMBIENTE    ARALDICA    CULTURE    LINGUE    MUSICA    MEDIA    LEGGENDE    FEDERALISMO    STORIA    POESIE    SCIENZA    INTERNET
Padano
Valdostano - Franco-provenzale
Walser
Piemontese
Valdese
Ligure
Insubre - Lombardo Occidentale
Orobico - Lombardo Orientale
Romancio
Mantovano
Emiliano
Romagnolo
Veneto
Cimbro
Brigasco
Friulano
Triestino - Istriota
Carinziano
Sloveno
Occitano
Provenzale
Ladino
Tirolese
Toscano - Italiano
Inglese
Francese
Tedesco

Lingue


Ricerca degli Articoli per parole chiave

Statuto Associazione
Organi Associazione
Attivita' Sociali
Segnalaci Iniziativa
Indagini Fonetiche
Carta Etnolinguistica della Padania e aree contigue
Collaboratori

Iscriviti!

ISCRIVITI!
Area Soci
Altre Segnalazioni
Aiutaci diventando Socio Sostenitore!
F.A.Q.

Discussioni

Forum
Mailing Lists
Iscriviti alla mailing list Padania
Newsletter
Newsgroups
Cosa sono?

Servizi Soci

Programmi Gratis
Meteo
Reclam Sponsors

Documenti

Proverbi
Archivio Newsletter
Archivio Articoli
Giochi

Loghi

Loghi Internet Padano
Loghi Padani Annuali:
Made in Padania
Padania Freedom Campaign

Tessera Sociale

PADANIA FREEDOM CAMPAIGN

Internet Padano

padaniacity.org
Padan.org

MADE IN PADANIA

Wikipedias Padanesi e Reto-Romanze

Emigliàn
Furlan
Ligure
Lumbard Insüber
Lumbard Uriental
Piemontèis
Rumagnòl
Rumantsch Grischun
Vèneto

Osservatorio ALP

Wikipedias lingue non padane presenti nelle regioni padane

Deutsch
Français
Franco-Provençal / Arpitan
Occitan
Toscano

     
Stampa questo articolo

ESCRIURE E EDITAR EN LENGA OCCITANA

NÒVAS D´OCCITÀNIA


Per sortir dal localisme, per aplicar la lei 482, per portar verament las valadas occitanas dins una prospectiva europea



Presentem aqueste bòt un numre dediat en grand part a las edicions de la Chambra d’òc. Avem fach un bel esfòrç, per s’enchaminar sus la dralha que la lei 482-99 “Nòrmas en matèria de tutela des minoranças lenguísticas estòricas” marca coma ponch fòrt e irinunciable: l’usatge escrich de las lengas minoritàrias.

Totas lengas que se dison talas an dins l’escritura un di lors ponchs fòrts

La lenga occitana dins lo siu ensem es famosa per èsser totjorn istaa una lenga escricha, basta pensar ai trobadors, al chant de Dante sus Arnaud Danièl dins la Divina Comedia, a Mistral.

Mas, dins las valadas occitanas, a part qualqui exemple enteressant coma lo Bestiari valdés (escrich dins una grafia ben dapè a la classica, aquela que nosautri utilisem aicí dins aqueste tèxt, e dins na bela lenga entercomprensibla per tota l’Occitània) la lenga occitana es totjorn istaa una lenga d’usatge oral. Aquò se capís ben abo lo fach que, derant de tot, fins a las anadas ’60-’70 nimanc se sabia de l’apartenença de nòstre territòri a l’airal occitan e abo autras rasons coma la question generala de la necessitat de alfabetizar lo monde en lenga italiana.

Encuei, gracias ai modèrns mejans de comunicacion avem la chança de poler dialogar agevolment e lest abo tot lo territòri occitan. Aqueste corrier electrònic lo recebaren mai que 2000 organisme o personas en tota Europa e es da bel capir que puei pas l’escriure dins lo miu dialecte occitan d’Elva.

Dins las valadas, se respira dins aqueste moment –politicament e aministrativament- una pesanta aura de localisme, un’embarradura a totas novitats que pòlon chambiar quarcòsa d’un mond passat, que encuei existís pas pus e que tuchi fan finta que sie encà ben vivent. Ajuà dins aquò decò da personatges del mond universitati de Turin. Lhi dialects locals occitans son en tren de despareisse, ben gaire de mainaas encuei parlon l’occitan, -mas experiment enteressant coma aquel presentat en autra part d’aqueste numre dal jornal indicon vias nòvas per las joves generacions- la vita comunitaria de país, condicion endispensabla per mantenir un dialect es de mai en mai inexistenta. Iu ai parlat en occitan a lhi miei enfants, Peyre e Esteve,. Parlon encuei un bòn occitan e son segurament conscient de la valor de la trasmission d’identitat que lor avem donat dins nòstra familha. Mas se lor devesson se basar sus la socialitat de La Ròcha per una prospectiva d’occitan encuei es segur que anarion pas daluenh. Da quora son pichòt a encuei que an 20 e 18 ans, son passats en çò nòstre de centenat de personas de tota Occitània que parlavon n’occitan que, mesme en gardant coma basa las variantas provençalas, gasconas, lengadocianas, limosinas e aranesas era clarament entercomprensiblas e, an fòrta la cosciença que l’occitan encuei o es una lenga que sierv per una comunicacion larja e a decò una forma estandardisaa o a pas de futur.

Assistem aüra dins las valadas a un pericolós replegament de tipe mai que mai localista. A una dinàmica identitària de mai en mai bòrnha a l’exterior, que apila sa força esclusivament sus una dinamica negativa interna basaa sus la pura defença dal passat e una paor dal present, victimística e sensa indicacion de futur. A un irigidiment cultural identitari negatiu. Pròpi encuei que lhi mejans de comunicacion d’un cant e l’Europa que se bastis de l’autre nos donon clarament de vias per lo futur. Polem pas analisar las causas de tot aquò dins aqueste article, mas es evident que tot aquò a son som dins responsabilitat politicas ben precisas que an la lor puncha de diamant dins l’Associacion d’entitats públicas Espaci Occitan. A el tocava marcar la justa via e avia totas las resorças umanas e lhi mejans econòmics per lo far.

Una d’aquestas vias es aquela de sòrte da lo localisme lenguístic, d’abandonar clarament e definitivament terme coma “nòsta mòda”o “patuà”, indicatiu d’un periòde onte sabiam pas aquò qu’eron, (coma lo pichòt que sap pas encá parlar e di ta-ta, ma-ma, mas après quora ven grand las paraulas les di ben e justas); un autra es aquela de plaçar nòstra lenga occitana al centre dal debat europenc sus lo drech a las diversitats lenguísticas (Eurominority ven de lançar una peticion per demandar al Governament francés un estatut per las lengas de França a nivel europenc tal coma ven de far lo governament espanhol); un’autra encà es aquela de s’empenhar a fons per formar de personas que mòstron las lengas abo lo metòde pedagògic modèrn desvelopat da lhi Prof. Till Stegmann e G. Klein de l’Universitat de Francofòrt EuroComRom que, en mostrant contemporaneament las 7 lengas romànicas o neo-latinas pòl formar na novela classa de joves europencs coscients de la valor de las lors raïtz e doberts al monde d’encuei.

Ben. Dins aqueste numre siem contents de vos presentar la production editoriala des Colanas “Viure la lenga” e “Viure lo país” que pòlon concretament vos ajuar, se sietz enteressat, a intrar dins lo pensier e a condivide abo nosautri lhi principis per lhi quals s’espendem dins nòstra accion de tuchi lhi jorns.

Ines Cavalcanti


TRADUZIONE IN LINGUA FRANCA


SCRIVERE E EDITARE IN LINGUA OCCITANA

Per uscire dal localismo, per applicare la legge 482, per portare veramente le valli occitane in una prospettiva europea



Presentiamo questa volta un numero dedicato in gran parte alle edizioni della Chambra d’oc. Abbiamo compiuto un bello sforzo per inserirci nella strada che la legge 482-99 “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche” indica come punto forte e irrinunciabile: l’uso scritto delle lingue minoritarie.

Tutte le lingue che si dicono tali hanno nella scrittura uno dei loro punti forti.

La lingua occitana nel suo complesso è famosa per essere sempre stata una lingua scritta, basta pensare ai trovatori, al canto di Dante rigurardante Arnaud Danièl nella Divina Commedia, a Mistral.

Ma, nelle valli occitane, a parte qualche esempio interessante come il Bestiario valdese (scritto in una grafia molto vicina alla classica, quella che noi usiamo in questo testo, e in una bella lingua intercomprensibile per tutta l’Occitania) la lingua occitana è sempre stata una lingua di uso orale. Questo si spiega con il fatto che innanzitutto, fino agli anni ‘60-’70, neppure si sapeva dell’appartenenza del nostro territorio all’area occitana e con altre ragioni come la questione generale della necessità di alfabetizzare la gente in lingua italiana.

Oggi, grazie ai moderni mezzi di comunicazione abbiamo la fortuna di poter dialogare agevolmente e rapidamente con tutto il territorio occitano. Questo giornale elettronico lo ricevono piu’ di 2000 organismi o persone in tutta Europa ed è facile da capire che non è certamente nel mio dialetto occitano di Elva che posso sciverlo.

Nelle valli, si respira –politicamente e amministrativamente- in questo momento un pesante vento di localismo, una resistenza a tutte le novità che vanno a cambiare qualcosa di un mondo passato, che oggi non esiste più e che tutti fanno finta sia ancora ben vivente. Aiutati in questo anche da personaggi del mondo universitario di Torino. I dialetti locali occitani sono in via di sparizione, pochi sono i bambini che parlano l’occitano oggi , -ma esperimenti interessanti come quello presentato in altra parte di questo numero del giornale indicano vie nuove per le giovani generazioni- la vita di paese, condizione indispensabile per mantenere un dialetto è sempre più inesistente. Io ho parlato ai miei figli Peyre e Esteve in occitano. Parlano oggi un buon occitano e sono sicuramente coscienti del valore della trasmissione di identità che gli abbiamo dato nella nostra famiglia. Ma, se loro dovessero basarsi sulla socialità di Roccabruna per una prospettiva d’occitano oggi è sicuro che non andrebbero lontano. Da quando sono piccolo a oggi che hannp 20 e 18 anni, sono passate da noi centinaia di persone di tutta l’Occitania che parlavano un occitano, che pur conservando di base le varienti provenzali, guascone, lengadociane, limosine e aranesi era chiaramente intercomprensibile e, hanno forte la coscienza che l’occitano oggi o è una lingua che serve per una comunicazione larga e possiede dunque anche una forma standardizzata o è una lingua che non ha futuro.

Assistiamo ora nelle valli a un pericoloso ripiegamento di tipo sempre più localista. A una dinamica identitaria sempre più cieca verso l’esterno che trae la sua forza basandosi esclusivamente su una dinamica nagativa interna basata sulla pura difesa del passato e una paura del presente, vittimista e senza indicazioni di futuro proprio ora che i moderni mezzi di comunicazione e l’Europa in costruzione ci offrono delle strade per un futuro. Non possiamo analizzarne le cause in questo articolo ma è evidente che tutto ciò fa capo a responsbilità politiche ben precise che hanno la loro punta di diamante nell’Associazione di enti pubblici Espaci Occitan.A lui toccava indicare la giusta via e aveva tutte le risorse umane e i mezzi economici per farlo.

Una di queste vie è quella di uscire dal localismo linguistico, abbandonare chiaramente e definitivamente termini come “nòsta mòda” o “patuà”, indicativi di un periodo in cui ancora non sapevamo chi eravamo (come il piccolo che ancora non sa parlare e dice ta-ta, ma-ma, ma poi man mano che cresce le parole le dice bene e giuste), un’ altra è quella di porre la lingua occitana al centro del dibattito europeo sul diritto alle diversità linguistiche -eurominority ha appena lanciato una petizione per chiedere al Governo francese uno statuto per le lingue di Francia a livello europeo, così come ha appena fatto il Governo spagnolo-, un’altra ancora è di impegnarsi a fondo per formare persone che insegnino le lingue con il metodo pedagogico moderno sviluppato dai Prof. Till Stegmann e G. Klein dell’Università di Francoforte EuroComRom, che insegnando contemporaneamente le 7 lingue romanze o neo latine può formare una nuova classe di giovani europei coscienti del valore delle loro radici e aperti al mondo di oggi..

Bene. In questo numero siamo contenti di presentarvi la produzione editoriale delle Collane “Viure la lenga “ e “Viure lo País” che possono concretamente aiutarvi, se siete interessati, a entrare nel pensiero e a condividere con noi i principi per i quali ci spendiamo nell’azione quotidiana.



Ines Cavalcanti



NÒVAS D’OCCITÀNIA
Contacts: Chambra d'òc - Ines Cavalcanti, Chamin Arnaud Danièl 18 - 12020 La Ròcha / Roccabruna - tel. 0171-918971 - cell. 328-3129801 e-mail chambra.d'oc@afpdronero.it

En actuacion de la Lei 482-99 "Nòrmas en matèria de tutèla des minoranças lenguísticas estòricas" e de la Lei Regionala n. 26/90




Inserito da: Veronesi in data 5/6/2004, 21:34
Scritto in Occitano per la parte Lingue di Internet Padano

Condividi:
Modifica questo articolo



Visualizza tutti gli articoli


     

Focus

RSS PDNCity
Gli ultimi articoli
Le ultime News di PadaniaCity.org

APPELLO: Creiamo più siti in lingua locale!

Iscriviti a Internet Padano

Giornali in Lingua

Al periodic
El Dragh Bloeu
El Milanes
La Vus de l'Insübria
Ousitanio Vivo Raixe Venete

Musica in Lingua

Davide Van De Sfroos
B-Folk
Buio Pesto
FBA
Gens d'Ys
Lepricorns
Longobardeath
Mele Spinte
Piero Montanaro
Teka P
Vad Vuc

Link Amici

Alla Ricerca del Sole
Associazione Linguistica Padana
Espaci Occitan
I nostar radiis
Padan.org

Media





Contatti

Organi Ass.

Riservato

GIOVANI PADANI

Fatti pubblicità su Padaniacity.ORG

Collaboratori

Realizzato da Angelo Veronesi

HOME

Master Sitee