HOME

:: ASSOCIAZIONE CULTURALE INTERNET PADANO :: Benvenuti nella Comunità Padana ::

http://www.villaflores.it/

Cerca su WWW Cerca su www.padaniacity.org

Cerca Articoli

Al dièvel, an dsfé mâi cråuS, Proverbio Emiliano

NEWS    AMBIENTE    ARALDICA    CULTURE    LINGUE    MUSICA    MEDIA    LEGGENDE    FEDERALISMO    STORIA    POESIE    SCIENZA    INTERNET
Padano
Valdostano - Franco-provenzale
Walser
Piemontese
Valdese
Ligure
Insubre - Lombardo Occidentale
Orobico - Lombardo Orientale
Romancio
Mantovano
Emiliano
Romagnolo
Veneto
Cimbro
Brigasco
Friulano
Triestino - Istriota
Carinziano
Sloveno
Occitano
Provenzale
Ladino
Tirolese
Toscano - Italiano
Inglese
Francese
Tedesco

News


Ricerca degli Articoli per parole chiave

Statuto Associazione
Organi Associazione
Attivita' Sociali
Segnalaci Iniziativa
Indagini Fonetiche
Carta Etnolinguistica della Padania e aree contigue
Collaboratori

Iscriviti!

ISCRIVITI!
Area Soci
Altre Segnalazioni
Aiutaci diventando Socio Sostenitore!
F.A.Q.

Discussioni

Forum
Mailing Lists
Iscriviti alla mailing list Padania
Newsletter
Newsgroups
Cosa sono?

Servizi Soci

Programmi Gratis
Meteo
Reclam Sponsors

Documenti

Proverbi
Archivio Newsletter
Archivio Articoli
Giochi

Loghi

Loghi Internet Padano
Loghi Padani Annuali:
Made in Padania
Padania Freedom Campaign

Tessera Sociale

PADANIA FREEDOM CAMPAIGN

Internet Padano

padaniacity.org
Padan.org

MADE IN PADANIA

Wikipedias Padanesi e Reto-Romanze

Emigliàn
Furlan
Ligure
Lumbard Insüber
Lumbard Uriental
Piemontèis
Rumagnòl
Rumantsch Grischun
Vèneto

Osservatorio ALP

Wikipedias lingue non padane presenti nelle regioni padane

Deutsch
Français
Franco-Provençal / Arpitan
Occitan
Toscano

     
Stampa questo articolo

Capodanno Celtico a Milàn dal 23 al 25 ottobre 2009

www.capodannoceltico.com


Ritorna il Capodanno Celtico con la sua 10° edizione organizzata dall'Assessore al Turismo, Marketing Territoriale ed Identità di Milano Massimiliano Orsatti.


http://www.capodannoceltico.com/nuovo/milano.htm



Programma Capodanno Celtico 2009:
Venerdì 23 ottobre
Ore 18.00 Cerimonia di apertura dei campi storici
Apertura degli stand espositivi
Ore 21.00 Concerto: Tannahill Weavers (Scozia)
Sabato 24 ottobre
Ore 11.00 Apertura dei campi storici e degli stand espositivi
Ore 11.30 Combattimenti
Ore 14.00 Sfilata dal Castello Sforzesco a Piazza Duomo dei clan e dei gruppi di
rievocazione storica
Ore 15.30 Esercitazioni e duelli “Quando gli eserciti si preparano alla battaglia”
Ore 16.30 Stage per bambini “Impariamo a tessere su telaio”
Ore 17.00 Stage per adulti “Impariamo a lavorare il feltro”
Ore 17.00 Stage di danze irlandesi
Ore 21.00 Concerti:
Filska (Scozia)
Shooglenifty(Scozia)
Domenica 25 ottobre
Ore 11.00 Apertura dei campi storici e degli stand espositivi
Ore 11.30 Stage per adulti “Nei panni degli antenati”
Ore 14.00 Sfilata dal Castello Sforzesco a Piazza Duomo delle Pipe Bands
Ore 14.30 Stage per bambini “Impariamo a tessere su telaio”
Ore 15.30 Battaglia “Pugna Mediolanensis”
Ore 17.00 Stage per bambini “Impariamo a fare le bordure”
Ore 17.00 Spettacolo e stage di danze irlandesi
Ore 17.30 Stage per adulti “Nei panni degli antenati”
Ore 21.00 Concerti:
Finlay Mac Donald Pipe Band
Neilston District Pipe Band


Storia:
La manifestazione, giunta alla sua decima edizione ed entrata a pieno titolo nel circuito dei grandi festival celtici europei, guida, nel cerchio senza tempo del Castello, il pubblico sempre più numeroso, in un entusiasmante percorso tra antichi accampamenti, danze sfrenate, accese battaglie, sussurri d’arpe che incantano, artigiani e le più coinvolgenti voci del panorama celtico e folk nazionale ed internazionale, alla scoperta di un patrimonio che è parte irrinunciabile dell’identità culturale di Milano e della Lombardia.

Il successo di pubblico e la sua eterogeneità testimoniano un desiderio largamente condiviso di riscoprire le proprie radici ed è legato, a nostro avviso, alla scelta di veicolare il percorso conoscitivo in più sfere di fruizione, promuovendo in ognuna di esse, ove sia possibile, una fattiva partecipazione
Esiste un momento preciso nell’incessante rincorrersi delle stagioni in cui l’Altro Mondo ed il nostro s’incontrano. Il tempo è sospeso, è il tempo del non tempo dove tutto può accadere ed tutto accade.
Avviene a Samain insieme fine ed inizio dell’anno celtico.

La festa di TRINVXTION SAMONI SINDVOS era la più importante presso i Celti e si svolgeva, concomitantemente alla levata eliaca della stella Antares, nei giorni che separavano l’anno vecchio da quello nuovo.
La festa, che doveva soddisfare alcuni vincoli lunari essendo celebrata nel sedicesimo, diciassettesimo e diciottesimo giorno del mese di Samonios, come stabilisce il Calendario di Coligny, e quindi due, tre e quattro giorni dopo l’ultimo quarto di luna, rappresentava un periodo favorevole, ideale per iniziare qualsiasi attività.
In questa data potrebbe essere collocabile la fondazione del nucleo gallico della città di Milano, allora nota come “Medhelanon”, da parte di Belloveso, principe gallico che condusse in Italia, attraverso le Alpi, il surplus della popolazione di svariate tribù galliche transalpine.
Tito Livio racconta nelle “Historiae”(libro V, 34):

“… Mentre a Roma regnava Tarquinio Prisco, il supremo potere dei Celti era nelle mani dei Biturgi, questi misero a capo di tutti i Celti un re. Tale fu Ambigato, uomo assai potente per valore e per ricchezza, sia propria sia pubblica, perché sotto il suo governo la Gallia fu così ricca di prodotti e di uomini da sembrare che la numerosa popolazione si potesse a stento dominare. Costui, già in età avanzata, desiderando liberare il suo regno dal peso di tanta moltitudine, lasciò intendere che era disposto a mandare i nipoti Belloveso e Segoveso, figli di sua sorella, giovani animosi, in quelle sedi che gli dei avessero indicato con gli àuguri. A Segoveso fu quindi destinata dalla sorte la Selva Ercinia, a Belloveso gli dei indicarono una via ben più allettante, quella verso l’Italia. Quest’ultimo portò con sé il sovrappiù di quei popoli, Biturgi, Edui, Ambani, Carnuti, Aulerci. Partito con grandi forze di fanteria e cavalleria, giunse nel territorio dei Tricastini. Di là si ergeva l’ostacolo delle Alpi; e non mi meraviglio certo che esse siano apparse insuperabili, perché nessuno le aveva ancora valicate [ … ] Ivi, mentre i Galli si trovavano come accerchiati dall’altezza dei monti e si guardavano attorno chiedendosi per quale via mai potessero, attraverso quei gioghi che toccavano il cielo, passare in un altro mondo, furono trattenuti anche da uno scrupolo religioso, perché fu riferito loro che degli stranieri in cerca di erre erano attaccati dal popolo dei Salvi. Quegli straneri erano i Marsigliesi, venuti dal mare da Focea. I Galli, ritenendo tale circostanza un presagio del loro destino, li aiutarono a fortificare, nonostante la resistenza dei Salvi, il primo luogo che avevano occupato al loro sbarco. Essi poi, attraverso i moti Taurini e la valle del Dora, varcarono le Alpi; sconfitti in battaglia i Tusci non lungi dal Ticino, avendo sentito dire che quello in cui si erano fermati si chiamava territorio degli Insubri, lo stesso nome di un pagus degli Edui, accogliendo l’augurio del luogo, vi fondarono una città che chiamarono Mediolanum…”

La Testimonianza di Livio, quindi, colloca cronologicamente l’epoca di fondazione della città nel VI secolo a.C..in quanto il regno di Tarquinio Prisco si estese dal 616 a.C. al 579 a.C. mentre la fondazione di Marsiglia da parte dei coloni focesi avvenne nel 600 a. C. circa.
La fondazione di una nuova città corrispose, come era d’uso presso i Celti, alla definizione di un centro sacro, detto con termine greco “omphalos”, e di uno spazio altrettanto sacro centrato su di esso e delimitato da un’aratura rituale compiuta in senso orario, in accordo con il moto apparente degli astri che popolano la sfera celeste, seguita dalle offerte propiziatorie agli dei e dalla scelta del nome che doveva essere di buon auspicio e spesso racchiudeva un teonimo.
La più nota ipotesi sull’origine del nome di Milano è quella che vede nell’etimologia romano-gallica di “Mediolanum” il significato di “terra di mezzo”, ma esiste anche la tesi di chi attribuisce a “Medhelanon”il significato di “centro di perfezione” ovvero “nemeton” santuario a cielo aperto delimitato da un recinto sacro connesso con gli astri.

Quest’interpretazione è quella che più si addice al territorio racchiuso dall’antico sacro recinto di Medhelanon.
Lo sviluppo di “Medhelanon” fu abbastanza lontano dal modello di oppidum celtico circondato dal tipico ed imponente “murus gallicus”. La realtà protoubana preromana di Milano si estese intorno al nemeton senza alcuna struttura atta a fortificazione, come confermano i recenti scavi condotti dagli archeologi.
Alla luce degli ultimi elementi emersi sembra confermarsi un modello di città sviluppatasi attorno ad una zona - santuario che aveva funzioni molteplici: religiose, giudiziarie, amministrative e commerciali.

Considerazioni relative all’altimetria ed all’assetto viario suggeriscono che l’ubicazione del “nemeton” sia da collocarsi nella zona dove ora sorge piazza della Scala.
La fondazione della città verrebbe a coincidere con la dedicazione del santuario presumibilmente avvenuta nella data più propizia: l’inizio dell’anno secondo il calendario celtico, evento che nel VI secolo a. C cadeva intorno alla metà di novembre del calendario giuliano.



Inserito da: Veronesi in data 15/10/2009, 16:50
Scritto in Toscano per la parte News di Internet Padano

Condividi:
Modifica questo articolo



Visualizza tutti gli articoli


     

Focus

RSS PDNCity
Gli ultimi articoli
Le ultime News di PadaniaCity.org

APPELLO: Creiamo più siti in lingua locale!

Iscriviti a Internet Padano

Giornali in Lingua

Al periodic
El Dragh Bloeu
El Milanes
La Vus de l'Insübria
Ousitanio Vivo Raixe Venete

Musica in Lingua

Davide Van De Sfroos
B-Folk
Buio Pesto
FBA
Gens d'Ys
Lepricorns
Longobardeath
Mele Spinte
Piero Montanaro
Teka P
Vad Vuc

Link Amici

Alla Ricerca del Sole
Associazione Linguistica Padana
Espaci Occitan
I nostar radiis
Padan.org

Media





Contatti

Organi Ass.

Riservato

GIOVANI PADANI

Fatti pubblicità su Padaniacity.ORG

Collaboratori

Realizzato da Angelo Veronesi

HOME

Master Sitee